• Castello Di Padernello Brescia
  • Castello Di Padernello Brescia
  • Castello Di Padernello Brescia Sala
  • Castello Di Padernello Brescia Cucina
  • Castello Di Padernello Brescia
  • Castello Di Padernello Brescia
  • Castello Di Padernello Brescia Sala
  • Castello Di Padernello Brescia Cucina

Documentazione storica

Il Castello di Padernello è il frutto di stratificazioni di tempi, di persone, di storie dalla fine del 1300 ad oggi. Una sezione questa per connettersi alle storie che hanno attraversato il castello e i suoi dintorni. La Fondazione Castello di Padernello raccoglie e custodisce archivi e testi di documentazione storico-artistica sul Castello, sui Martinengo e la bassa bresciana.

ARCHIVI

Centro di Documentazione Teatrale “Foppa 3”

Il Centro di Documentazione Teatrale Foppa 3 raccoglie il materiale cartaceo e digitale presente nella libreria personale di Mina Mezzadri, drammaturga e regista bresciana, e nell’archivio del CTB Teatro Stabile di Brescia. Il Centro è stato nominato Foppa 3 come la via in cui viveva la regista.

Tale centro racchiude una serie di documenti e testi eterogenei, provenienti da diverse strutture, alcuni dei quali non pensati originariamente ai fini della conservazione e quindi di preziosa rarità. Più di tremila volumi e un migliaio di riviste dedicati al teatro e allo spettacolo saranno disponibili al pubblico per consultazione e ricerca.

Tale materiale, ceduto alla Fondazione Castello di Padernello tramite convenzione, comprende:

  • testi e sceneggiature teatrali originali di Mina Mezzadri;
  • monografie per singoli autori, attori ed artisti o per singoli argomenti;
  • saggi critici e volumi di storia del teatro, della letteratura e dell’arte dall’età classica fino all'età contemporanea;
  • una raccolta di dattiloscritti, nastri fonici, video e fotografie di scena;
  • appunti inediti di regia e riviste specializzate.

I volumi raccolti sono catalogati e archiviati in apposite sale per la conservazione e la consultazione oltre ad essere inseriti in una rete mediatica per agevolare la collaborazione con altri enti, quali biblioteche e archivi locali e nazionali. I testi sono stati catalogati secondo il codice DDC a cura di Gianni Bosio.

Alla base del progetto vi è la necessità di costituire un punto di riferimento per la tutela, la salvaguardia e la valorizzazione di una delle più importanti tradizioni teatrali italiane; tale realtà presenta nella propria storia due figure di fondamentale importanza: Mina Mezzadri regista e drammaturga bresciana e il CTB Teatro stabile di Brescia.

Entrare alla scoperta del Centro Studi “Foppa 3” significa avere la possibilità di ripercorrere la storia del teatro e dei suoi protagonisti, viaggiando fra tempi, luoghi e modalità del palcoscenico, al fine di seguirne la sintesi con le altre arti, quali pittura, scultura, architettura, ma anche musica, classica e contemporanea.

L'archivio si è altresì arricchito di ulteriore materiale proveniente dai fondi di Paolo Meduri, Aldo Engheben, Pier Emilio Gabusi e Paola Carmignani.

Il materiale è raccolto in un’unica e suggestiva sede: le antiche dispense cinquecentesche del Castello di Padernello.

Il Castello di Padernello ospita quindi una parte importante della storia teatrale bresciana, una provincia che raccoglie quasi duecento tra compagnie stabili e amatoriali e che vanta il proprio teatro Stabile nato dalla Compagnia della Loggetta, di cui la Mezzadri ne fu fondatrice.

Informazioni

I testi sono disponibili su consultazione in sede presso il Castello di Padernello

Mediateca della Bassa Bresciana

La Mediateca della Bassa Bresciana nasce dall'incontro tra il gruppo degli Amici del Castello di Padernello e la Fondazione Civiltà Bresciana.

La Biblioteca – Mediateca della Bassa Bresciana raccoglie circa 5000 opere, tra riviste e libri, sul territorio della bassa bresciana. Le opere sono divise per argomenti attraverso una specifica codifica, denominata Codice Aquila Rossa per opera del bibliotecario Giuseppe Andrico. Viene così data la possibilità all'utente di rintracciare le storie e le notizie inerenti a un argomento, una località, un personaggio della zona della bassa bresciana.

La biblioteca è frequentata da studenti e ricercatori o da chiunque voglia documentarsi su queste terre.

Informazioni

I testi sono disponibili su consultazione in sede presso il Castello di Padernello
Il bibliotecario Giuseppe Andrico è presente il martedì e il giovedì (14.30 – 17.30) previa conferma telefonica.

Archivio Centro San Martino (Agricoltura)

Il Centro Studi San Martino è stato creato nel 1998 da Monsignor Antoni Fappani che, nell’ambito della Fondazione Civiltà Bresciana, ha voluto creare un’istituzione che si occupasse della storia della agricoltura, del territorio e del paesaggio bresciano, soggetti alle trasformazioni causate dallo sviluppo demografico, industriale e civile. Il Centro Studi San Martino ha sede in Brescia presso la Fondazione Civiltà Bresciana (Chiostri San Giuseppe, 5) e dispone di una sede per la propria biblioteca – organizzata come emeroteca e mediateca specializzata – presso il Castello di Padernello.

L’intento del Centro Studi è quello di ricostruire la storia dell’agricoltura e del paesaggio della provincia di Brescia a partire dalle storie quotidiane, da chi ha vissuto quella storia, facendo del Castello di Padernello il luogo della memoria storica delle famiglie bresciane. La biblioteca non è solo dedicata alla raccolta ma vuole essere una biblioteca in itinere, in continua evoluzione, finalizzata alla costante raccolta della documentazione proveniente direttamente dalle famiglie dei bresciani. Una documentazione questa che assume un valore ulteriore una volta collocata all'interno della più ampia storia bresciana. Il progetto vuole quindi fare memoria di tutte quelle storie e quelle vite che altrimenti cadrebbero nell'oblio.

http://www.civiltabresciana.it/SanMartino/chisiamo.html

Informazioni

I testi sono disponibili su consultazione in sede presso il Castello di Padernello
Il bibliotecario Giuseppe Andrico è presente il martedì e il giovedì (14.30 – 17.30) previa conferma telefonica.

RICERCA STORICO-ARTISTICA

I Martinengo e il Castello di Padernello

Per una dettagliata ricostruzione storico-artistica sui Martinengo di Padernello e il loro Castello si veda Floriana Maffeis, Gian Mario Andrico, I Martinengo e il Castello di Padernello, contributo di Sandro Guerrini, fotografie di Virginio Gilberti, Roccafranca (BS) 2011, vol. 4 in Giacomo Andrico, Floriana Maffeis, Gian Mario Andrico, L'aquila d'argilla, La compagnia della stampa – Massetti Rodella, Roccafranca (BS) 1999-2011 – serie Monumenta Brixia.

Il volume è consultabile e/o acquistabile presso il Castello di Padernello

INDICE de AA.VV., I Martinengo e il Castello di Padernello, cit.

Floriana Maffeis

Il territorio
L’epigrafe romana di Padernello
Pievi e monasteri
Castelli e borghi fortificati
I “de Martinengo”
Il monastero di San Vigilio
La formazione del patrimonio
Il feudo di Padernello
La dominazione veneta: Leonardo e Antonio Martinengo di Padernello e la battaglia di Maclodio
Il castello tra Medioevo e Rinascimento
Magnifici signori: alleanze matrimoniali e stili di vita
Capitani di milizie: le armature Martinengo
Tra conti e principi: da Padernello a Castiglione

Gian Mario Andrico

Padernello: un esempio che potrebbe salvare quel poco che rimane delle Basse
Gli ambienti naturali del castello
Un parco per Padernello
I Martinengo di Padernello: i privilegi, gli onori, gli acquisti, le vendite, il quotidiano
Una potente famiglia: i protagonisti
Il castello restituisce “documenti” della cultura materiale
I Martinenghi: banditi, liti e delitti
Ricucire la storia

Sandro Guerrini

Il Castello di Padernello e l’architettura militare bresciana del Rinascimento
I recenti restauri
Documenti

BIBLIOGRAFIA

Testi su Padernello e i Martinengo di Padernello

  • Gian Mario Andrico, Dove le pietre parlano. Guida per una visita al castello di Padernello, Cassa rurale ed artigiana di Borgo San Giacomo, Borgo San Giacomo (BS) 1984
  • Gian Mario Andrico, Note storiche e artistiche su Motella di Padernello in Brixia sacra, 1966 (1985)
  • Gian Mario Andrico, La vera storia della Dama Bianca, La compagnia della stampa – Massetti Rodella, Roccafranca (BS) 2003
  • Antonio Fappani, S. Vigilio di Padernello, in Brixia sacra, 1966 (1973)
  • Francesco Frangi, Giacomo Ceruti a Brescia e il ciclo di Padernello, in Elena Lucchesi Ragni e Renata Stradiotti (a cura di), Da Raffaello a Ceruti, Linea d' ombra, Conegliano 2004
  • Francesco Frangi, Giacomo Ceruti in Brescia and the Padernello cycle, inElena Lucchesi Ragni e Renata Stradiotti (a cura di), Great painters in Brescia, Linea d' ombra, Conegliano 2006
  • Floriana Maffeis, Gian Mario Andrico, I Martinengo e il Castello di Padernello, contributo di Sandro Guerrini, fotografie di Virginio Gilberti, Roccafranca (BS) 2011, vol. 4 in Giacomo Andrico, Floriana Maffeis, Gian Mario Andrico, L'aquila d'argilla, La compagnia della stampa – Massetti Rodella, Roccafranca (BS) 1999-2011 – serie Monumenta Brixia.
  • Floriana Maffeis – Gian Mario Andrico, Il Castello di Padernello / The castle of Padernello, Cassa rurale ed artigiana di Borgo San Giacomo, La compagnia della stampa – Massetti Rodella, Roccafranca (BS) 2011
  • Enrico Mariani, Il Castello di Padernello dopo 500 anni di storia rivive oggi rivive con la cultura, Collegio dei costruttori edili di Brescia e di provincia 2013
  • Carlo Staurenghi (a cura di), Padernello: vita arte e storia, Brescia
  • Paolo Guerrini, Vi dormono gli antenati dei Martinengo: storia di Padernello in Antonio Fappani e Francesco Richiedei (a cura di), Note varie su paesi della provincia di Brescia, Edizioni del Moretto, Brescia 1986
  • Franco Manenti (a cura di), Castello di Padernello in Rotary club Brescia Franciacorta Oglio bollettino: periodico mensile riservato ai soci. - A. 1, n. 1 (lug.-ago. 1990)

Testi sul Padernello e dintorni

  • AA.VV. Insediamenti romani in pianura: vita e rituale funerario,Borgo San Giacomo (BS) 1996
  • Gian Mario Andrico, La Maliconcia, La compagnia della stampa, Brescia 1997
  • Il castelli dell'Oglio tra Padernello e Soncino, Grafo, Brescia, Giornale di Brescia, 2008 Seria Piccole guide per un grande territorio
  • Gian Mario Andrico, L'aquila rossa. Storia di un'antica osteria in Padernello, La compagnia della stampa Massetti Rodella - Roccafranca (BS) 2004
  • AA.VV. Il satiro e il banchetto. Spunti iconografici dello scavo di una nuova necropoli a Borgo San Giacomo (BS), Castello di Padernello – Borgo San Giacomo (BS) 2007
  • Gian Mario Andrico, Storie arcane di terre bresciane, Fondazione Castello di Padernello – Amici del Castello, Borgo San Giacomo (BS) 2007
  • Giovanni Quaresmini, La generosa rondine del castello di Padernello, La compagnia della stampa Massetti Rodella. - Roccafranca (BS) 2008
  • Giovanni Quaresmini, La généreuse hirondelle du chateau de Padernello, La compagnia della stampa Massetti Rodella. - Roccafranca (BS) 2010
  • AA.VV. Mareèe, testi di Gian Mario Andrico, fotografie di Basilio Rodella e Virginio Gilberti, Brescia 2013
  • Gian Mario Andrico, Leggende bresciane misteriose e arcane, vol. I-II, Giornale di Brescia, Fondazione Castello di Padernello, Brescia, 2013
  • Gloria Malvicini, La comunicazione, la promozione e la valorizzazione del patrimonio culturale della Bassa Bresciana, Tesi di laurea, Corso di laurea in turismo, eventi e territorio, IULM Milano, Relatrice Prof.ssa Angela Besana, a.a. 2014/2015
Ultima modifica il Giovedì, 23 Febbraio 2017 05:38

Fondazione Castello di Padernello

Via Cavour, 1 Padernello
25022 Borgo san Giacomo (Bs)

Contatti

+39 030 9408766 in orario d’ufficio
info@castellodipadernello.it

Canali social

| | | VIDEO

Orari di apertura del Castello

Dal Martedì al Venerdì:
9.00 - 12.00 / 14.30 - 17.30
Sabato:
14.30 - 17.30
Domenica
14.30 - 18.30


Tickets

  • Visita Castello + Mostra - Intero: € 7,00
  • Visita Castello + Mostra - Ridotto: € 5,00
  • Visita Mostra: € 5,00
  • Visite guidate in Lingua dei Segni Italiana (LIS) con prenotazione obbligatoria

L’importo può variare a seconda del tipo di evento in corso. Il Castello è visitabile solo con guida negli orari indicati. Ultimo ingresso un'ora prima della chiusura.

newsletter