Giovedì, 28 Gennaio 2016 08:44

Piano Strategico 2016 - 2020

Scritto da Ufficio Stampa

Il piano strategico pluriennale della Fondazione - Governance, Sostenibilità, Comunicazione, I Progetti, l'Albergo diffuso, il Paese pedonale, la creazione di una Cooperativa/Impresa Sociale, I restauri e gli Eventi culturali.

La stesura di un piano strategico pluriennale, fatta in continuità con il precedenti, nasce da un’idea fortemente condivisa che per ottenere risultati, serve necessariamente avere degli obiettivi chiari, delle mete da raggiungere ben delineate. Tracciare la nostra strada, già pensando al futuro è una scelta fondamentale, di grande importanza, di grande rilevanza, ma soprattutto enormemente strategica, che ci obbliga a ragionare con grande anticipo sui temi portanti, sulle priorità della nostra Fondazione. Soprattutto per la nostra Fondazione, che viene da dieci anni di positivi risultati, da un forte rafforzamento della sua attività culturale sul territorio e per il territorio, di un ampio consolidamento del suo modello e della sua immagine, diventa ancor più indispensabile scrivere con lungimiranza i temi su cui fissare gli obiettivi del nostro futuro. Se la mission è chiara e condivisa, se la strada tracciata sarà coerente e sostenibile, maggiore sarà la possibilità che i progetti si realizzino. I temi su cui si poggerà il piano strategico 2016-2020 sono:

La Governance

Integrare e rafforzare la governance della Fondazione è sicuramente il tema primario che ci poniamo per i prossimi cinque anni. La Fondazione che fino ad oggi ha avuto come base quasi esclusiva una gestione basata sul volontariato ha forte necessità di essere integrata con personale organizzato. Per attuare tale integrazione, confermando che il volontariato sarà sempre valore imprescindibile, si ipotizza la creazione di una impresa sociale/cooperativa sociale che attingendo dal mondo dei “giovani sottooccupati” possa da una parte avviare attività coerenti e sostenibili e dall’altra essere il rafforzamento del braccio operativo della Fondazione. Per rafforzare inoltre la governance della Fondazione e distribuire in modo più orizzontale compiti e competenze è ipotizzata la creazione di uno “Staff di Direzione” che avrà il compito specifico di allargare a più persone la fase direzionale di indirizzo, la fase gestionale, l’area delle relazioni Istituzionali ed imprenditoriali ed infine l’area della comunicazione interna ed esterna. L’ipotizzato Staff di Direzione potrà essere composto da membri del Consiglio Direttivo, del personale dipendente e da persone attinte da soci volontari della nostra Fondazione.

La Sostenibilità

La sostenibilità nasce dalla buona gestione. Continuare nella buona gestione sarà l’obiettivo anche per i prossimi cinque anni. Poiché i progetti di integrazione della Fondazione fra volontariato ed attività organizzate prevedono l’assunzione di nuove figure, anche per il sostegno di nuove iniziative, la sostenibilità passa innanzitutto dai fondi recuperati tramite i bandi che copriranno i costi all’incirca per il 70%.. La parte di costi a carico della Fondazione potranno essere coperti con queste iniziative:

  • Incrementare i visitatori del 50% nei prossimi cinque anni, passando dagli attuali 60.000 ai potenziali 100.000 visitatori. Tale incremento verrà reso possibile grazie all’incremento annuale del 10% L’incremento sarà reso possibile grazie al progetto di illuminare il castello ( sono allo studio diverse collaborazione con società che operano nel campo Flos –Ave –Abb). Illuminare il castello permetterà di effettuare delle visite serali dalle ore 19 alle ore 21. A tale scopo esiste già progetto avviato con i ristoranti di Padernello;
  • La sistemazione del Salone da Ballo come sala attrezzata per riunioni e convegni, grazie all’inserimento di microfoni e casse senza fili, con un nuovo proiettore e con altri accorgimenti tecnici potrà permettere maggiori convegni e quindi maggiori introiti;
  • Sono stati predisposti e sono in fase di studio ulteriori laboratori per ampliare ed incrementare le visite delle scuole. Si vorrebbe avviare una collaborazione con l’Associazione “Amici del raglio” per avviare un progetto di onoterapia

La Comunicazione

Servirà predisporre un piano di comunicazione per integrare la comunicazione locale con la comunicazione a livello regionale e nazionale, anche in collaborazione con la Fondazione Cariplo e con la consulenza di un esperto del settore Obiettivi di tale operazione è l’aumento dei visitatori, operando nello specifico sulla popolazione di Milano e sui visitatori del lago di Garda che hanno raggiunto la cifra di 20 milioni. Tema fondamentale della comunicazione sarà naturalmente anche quello di rafforzare, migliorare ed integrare la comunicazione interna, perno fondamentale perché dalla Fondazione esca un progetto fortemente condiviso, con una visione chiara e che rafforzi i rapporti umani e concretizzi il grande messaggio etico e la dimensione sociale del progetto Padernello.

I Progetti

Creazione di un Centro Nazionale di competenza per l’Economia Circolare. La nostra Fondazione attraverso il Bando Emblematico Maggiore 2014 della Fondazione Cariplo, con capofila la Fondazione Cogeme Onlus, è risultata assegnataria di un contributo di € 115.000,00 distribuiti su 3 anni . Oltre alla creazione del Centro di competenza, si inizieranno percorsi per l’attivazione di una cooperativa sociale/impresa sociale per avviare attività di recupero e riutilizzo di beni e materiali

Albergo Diffuso. Il progetto prevede di avviare una indispensabile attività ricettiva nel borgo di Padernello, parte stimolando i privati a sistemare, restaurare e mettere a disposizione spazi per pernottare ed inoltre cercando direttamente di procedere a restauri nel Castello per creare una centrale operativa ed una sala colazioni, ma anche cercando spazi da sistemare nelle cascine di Padernello. Il risultato sarebbe quindi doppio, da una parte stimolare/contribuire al restauro e riutilizzo delle cascine, dall’altra parte incrementare visitatori per gli Itinerari Turistici nella Bassa Pianura Bresciana.

Paese Pedonale. Avere il paese sgombro di autovetture ed abbellito con interventi di migliorie, opere di artisti, una specifica illuminazione, è diventato ormai un obiettivo improcrastinabile. Per ottenere il paese pedonale è indispensabile attivarsi per la conclusione del parcheggio posto a lato della Cascina Bianca. Sarà quindi anche compito della nostra Fondazione mettere in campo buone prassi ed iniziative di coinvolgimento di tutte le parti (Ristoratori, proprietari degli immobili e dei terreni, Consiglio di frazione, agricoltori, Comune di Borgo San Giacomo) per trovare i mezzi e le possibilità per completare il parcheggio ed attivare la strada che permetta di non entrare in Padernello da San Paolo e dalla Motella.

Creazione di una Cooperativa/Impresa Sociale. Il progetto, nella continuità dei nove progetti della Fondazione, che interamente qui vengono recepiti e dati in continuità attraverso il lavoro del volontariato, prevede la creazione ed il graduale sviluppo di una cooperativa/impresa sociale, da realizzarsi attraverso la ricerca di giovani sottooccupati da inserire in posti di responsabilità . L’ipotesi di partenza è la realizzazione di una Scuola di buona gestione. L’iniziativa prevede di formare una decina di giovani in grado di gestire fondazioni o imprese sociali dopo un anno di formazione. Da tale Scuola può discendere a cascata una serie di altre scuole e/o qualifiche. Ad esempio Scuola dei camerieri, scuola di restauro, scuola di alta formazione, scuola di cucina popolare e corsi di onoterapia. Dall’altra parte questi giovani che entrano in qualità di responsabili per il progetto della Cooperativa/impresa Sociale possono diventare il braccio operativo della Fondazione, andando ad integrare le necessità operative in collaborazione con il volontariato.

I RESTAURI

E’ intenzione della Fondazione proseguire gradualmente, ma con costanza nell’obiettivo di restaurare interamente il Castello. Primo obiettivo è il completamento del restauro del lato nord, con i relativi impianti elettrici ed idraulici. Secondo obiettivo, da realizzare attraverso la partecipazione ad un Bando della Fondazione Cariplo, sarà il restauro della loggia posta al lato sud del cortile e relative stanze del sottotetto da adibire ad office-botteghe per il restauro. Terzo obiettivo sarà il completamento del restauro del piano primo del lato ovest, specificatamente la parte sopra la veranda. In un’ottica di visione di lungo periodo, servirà ragionare ed approfondire le tematiche, anche in una visione di utile riutilizzo per varie attività, anche teatrali, relativamente ai lavori di restauro dell’ala est del primo piano del Castello

LA PROGRAMMAZIONE CULTURALE

La Fondazione pone come obiettivo strategico e fondamentale il riuso del Castello attraverso un’attività culturale di elevata qualità, in continuità con il progetto culturale sino ad oggi sviluppato. Obiettivo primario sarà mantenere ed accrescere possibilmente quella “genialità” riconosciuta alle iniziative culturali, ed artistiche di Padernello, come segno distintivo per creare valore al territorio. La programmazione culturale che dovrà essere predisposta ed aggiornata di anno in anno, in continuità con il lavoro fatto, .oltre a prevedere nel palinsesto i filoni portanti del nostro progetto, ovvero: I mercati della Terra, il teatro, la Cetra di Apollo, il Jazz, Padernello a Tavola, l’opera lirica, un’ora di autore, versi in pianura, l’archivio, il Centro di documentazione teatrale Foppa 3, l’Uomo in viaggio, la filosofia, gli Itinerari Turistici nella Bassa Pianura, dovrà concentrare il nostro impegno per attivare in concreto l’Ecomuseo Planum Aquae

Con chi facciamo squadra?

In una visione di lungo periodo, che prevede l’ampliamento delle attività culturali, delle iniziative artistiche, della necessità di continuare nei restauri, risulta indispensabile fare una attenta valutazione per ragionare con quali attori del territorio, associazioni, Fondazioni, Enti, trovare accordi, promuovere reti, attivare collaborazioni per sviluppare sinergie, trovare vie comuni per far decollare poli di attrattività turistica, luoghi di generatività, percorsi di vera sostenibilità. Creare una piccola task force che studia, valuta e ricerca partner sul territorio che condividano la filosofia di creare valore per il territorio.

OBIETTIVI FINALI

Obiettivo finale sarà il progressivo e costante restauro del Castello. L’aumento dei visitatori. L’ampliamento del progetto culturale, artistico e del turismo locale. L’inserimento di Padernello nei borghi più belli d’Italia. La creazione di Scuole Bottega, di Botteghe per la vendita di prodotti di filiera corta e di produttori collegati al mercato Slow Food. La creazione di lavoro per giovani sottooccupati. La ricerca di una cascina da restaurare con un progetto complessivo, sotto l’egida della Fondazione, della collaborazione dell’Ing. Sandro Guerini, al fine di poter avviare tutte quelle attività propedeutiche a creare una economia territoriale, a sviluppare un’agricoltura di prossimità.

Video

INFO//CONTATTI

  • Fondazione Castello di Padernello
    Via Cavour, 1 Padernello
    25022 Borgo san Giacomo (Bs)
  • +39 030 9408766
    in orario d’ufficio
  • indirizzo email
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ORARI

  • Dal Martedì al Venerdì
    9.00 - 12.00 / 14.30 - 17.30
    Sabato pomeriggio
    14.30 - 17.30
    Domenica pomeriggio
    14.30 - 18.30
  • Il Castello è visitabile solo con guida. L'ultimo ingresso valido per effettuare la visita è un'ora prima della chiusura.

Tickets

  • Visita guidata Castello + Mostra
    Intero: € 7,00 // Ridotto € 5,00
  • Visita guidata Mostra
    € 5,00
  • L’importo può variare a seconda del tipo di evento in corso

newsletter

LOVE&GRATITUDE

google adv