Un piccolo paese, quasi una miniatura. Un piccolo bosco popolato da migliaia di bucaneve. Una terra dura, di fatica e sudore, dove non è infrequente sentire ancora il profumo del sambuco. Le donne e gli uomini, che vivono in questo luogo ai confini della realtà, sognano coi piedi per terra e, sembra, ma non ci sono prove accertate, riescano a pensare per lunghe ore senza stancarsi.

Una chiamata alle ... arti. Questo pomeriggio, alle 16,15, la Fondazione Castello di Padernello insieme all’Ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili di Brescia, all’Acb Servizi, all’Agenzia delle Entrate e all’Associazione bresciana commercialisti va in scena «Art bonus. Chiamata alle arti. Mecenati di oggi per l’Italia di domani».

L’opera vegetale sente l’insulto delle stagioni. Servono 10mila euro per la riparazione.

Il risultato di un laboratorio interculturale per visitare il borgo bresciano assumendo una delle principali sfide della contemporaneità

Il senso della serata svoltasi martedì scorso al Castello di Padernello di Borgo San Giacomo per «Etica Festival» può essere sintetizzato in una frase di frate Ermes Ronchi: «Quando aprite il portafogli, voi votate. Votate per conservare, o per continuare a distruggere il creato...». Questi i contenuti etici e morali discussi nel maniero, in una serata dal sapore ormai spiccatamente autunnale.

Vittorio Fusari lo ripete spesso: «La tavola dev’essere un’esperienza di gioia».Lo ribadirà domani al Castello di Padernello, nell’incontro per «Etica- Festival» che vedrà lo chef bresciano dialogare con padre Ermes Ronchi. I due ragioneranno su necessario e superfluo, sull’ambizione umana di andare oltre il pane quotidiano e sull’importanza di dare il giusto valore a ogni cosa: a partire dal «granello di senape» che, nella parabola evangelica, diventa metafora del regno di Dio.

Andare e venire. Fare un giro. Tutte azioni riconducibili all’idea di viaggio, ricorrente nel cinema di Giorgio Diritti: da «Il vento fa il suo giro» (2005), al film storico sulla strage di Marzabotto «L’uomo che verrà» (tre David di Donatello nel 2010), fino al più recente «Un giorno devi andare». Sul tema del viaggio verterà l’incontro col regista, sceneggiatore e scrittore organizzato stasera per la rassegna «L’uomo in viaggio» al Castello di Padernello (via Cavour 1, a Padernello di Borgo San Giacomo alle 21, ingresso gratuito).

Mercoledì, 07 Settembre 2016 07:58

Per interrogarsi sul significato del viaggiare

Scritto da

Viaggiare, sì ma perché? E quale significato assume nei nostri giorni, che comprimono tutto nell’inutile tentativo di sfuggire ai vincoli dello spazio e del tempo. Un filosofo e uno sceneggiatore, un musicista e una regista: quattro appuntamenti ad interrogarsi sul significato del viaggiare. E a conclusione, una storia, quella di Pippa Bacca, finita tragicamente e proprio per questo, quasi sempre fraintesa .

Pagina 2 di 9

INFO//CONTATTI

  • Fondazione Castello di Padernello
    Via Cavour, 1 Padernello
    25022 Borgo san Giacomo (Bs)
  • +39 030 9408766
    in orario d’ufficio
  • indirizzo email
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ORARI

  • Dal Martedì al Venerdì
    9.00 - 12.00 / 14.30 - 17.30
    Sabato pomeriggio
    14.30 - 17.30
    Domenica pomeriggio
    14.30 - 18.30
  • Il Castello è visitabile solo con guida. L'ultimo ingresso valido per effettuare la visita è un'ora prima della chiusura.

Tickets

  • Visita guidata Castello + Mostra
    Intero: € 7,00 // Ridotto € 5,00
  • Visita guidata Mostra
    € 5,00
  • L’importo può variare a seconda del tipo di evento in corso

newsletter

LOVE&GRATITUDE

google adv