Martedì, 07 Aprile 2009 00:00

Mina Mezzadri, una stanza tutta per sé

Scritto da Paola Carmignani - Giornale di Brescia
Mina Mezzadri Mina Mezzadri

Il Castello di Padernello accoglierà la biblioteca-archivio della regista, scomparsa nell’estate scorsa Il Ctb rinsalda i rapporti con la Fondazione Nymphe e annuncia la nascita di un Centro studi.

Si torna a parlare di Mina Mezzadri. La regista teatrale scomparsa nell’agosto del 2008 avrà presto una nuova "casa": i suoi libri (circa 5.000 volumi), i manoscritti, i copioni, alcuni nastri magnetici, le tracce insomma dei suoi spettacoli e dei suoi studi, saranno risistemati in una sala del Castello di Padernello.

Una firma apposta ieri davanti ai giornalisti ha ampliato la già solida collaborazione fra il Ctb - Teatro Stabile di Brescia e la Fondazione Nymphe - Fondazione Castello di Padernello. A partire dall’acquisizione del "fondo Mezzadri" (denominato "Foppa 3") i due enti (alla presenza di due nipoti della regista) ieri hanno annunciato che in tre sale risistemate aprirà un archivio, per la consultazione di studiosi e studenti. Lì ci sarà - ha chiosato Giuseppina Turra - «tutto quello che Mina ha amato e studiato». Il Ctb, per bocca del suo presidente Diego Ambrosi, ha annunciato anche la nascita del nuovo «Centro Studi sul teatro bresciano», progetto che sarà delineato più avanti, che nasce però con l’intenzione di «creare un rapporto nuovo tra centro e periferia»; all’incontro di ieri era presente Innocenzo Sala in rappresentanza della Provincia. Un cammino che inizia.

Dopo aver espresso solidarietà verso la popolazione colpita dal terremoto abruzzese, il presidente del Ctb Ambrosi ha ribadito la volontà di «riprendere e integrare la lettera d’intesa siglata nel 2007 con la realtà di Padernello. In questi due anni - ha aggiunto - il rapporto è andato avanti in modo ottimo». «Nel frattempo - ha aggiunto - è intervenuta la morte di Mina Mezzadri». E si è arrivati, grazie alla mediazione di Giuseppina Turra e Giacomo Andrico, che sono stati pubblicamente ringraziati, all’acquisizione «di una parte dell’archivio di Mina Mezzadri».

«Occorrerà che la città sia meno sorda al patrimonio teatrale che ci sta alle spalle e che diventa energia per il futuro», ha commentato la Turra; e Andrico le ha fatto eco: «Questo è un grande dono che Mina ci ha lasciato e non poteva andare disperso. È strano però che vada a Padernello: mi sembra triste che non sia rimasto alla città».

Un sostegno convinto
Nulla si sarebbe potuto fare senza il contributo convinto della BCC Pompiano e Franciacorta, che nell’ambito del vasto progetto centrato sul Castello di Padernello sostiene le iniziative legate al teatro. A rappresentare l’ente c’era Luigi Mensi, il quale ha ricordato che l’avventura di Padernello, quando è iniziata sotto la guida del presidente delle Fondazioni collegate Ignazio Parini e del vicepresidente Domenico Pedroni, «sembrava una mezza follia; ora invece il progetto avanza. Le BCC - ha aggiunto Mensi - per statuto sostengono la promozione della cultura sul territorio. In tal senso - ha concluso - stiamo sostenendo e sosterremo il progetto di Padernello». Oggi il Castello - ha ricordato Parini - ha in corso nove progetti, due dei quali centrati sul teatro e sugli archivi storici.

E il 23 si presenta un libro al Grande
È di questi giorni un altro annuncio riguardante la regista scomparsa: giovedì 23 aprile alle 18 nel Ridotto del Teatro Grande si presenta il libro «Mina Mezzadri - Il segreto di un altrove» di Eleonora Firenze. Con l’autrice parteciperanno Paolo Bosisio, Sandro Fontana, Franco Sangermano, Lina Wertmüller e Renato Borsoni.

Paola Carmignani - Giornale di Brescia 07/04/09

INFO//CONTATTI

  • Fondazione Castello di Padernello
    Via Cavour, 1 Padernello
    25022 Borgo san Giacomo (Bs)
  • +39 030 9408766
    in orario d’ufficio
  • indirizzo email
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ORARI

  • Dal Martedì al Venerdì
    9.00 - 12.00 / 14.30 - 17.30
    Sabato pomeriggio
    14.30 - 17.30
    Domenica pomeriggio
    14.30 - 18.30
  • Il Castello è visitabile solo con guida. L'ultimo ingresso valido per effettuare la visita è un'ora prima della chiusura.

Tickets

  • Visita guidata Castello + Mostra
    Intero: € 7,00 // Ridotto € 5,00
  • Visita guidata Mostra
    € 5,00
  • L’importo può variare a seconda del tipo di evento in corso

newsletter

LOVE&GRATITUDE

google adv